BENVENUTI NEL MIO BLOG!!!



TUTTO QUELLO CHE PUOI FARE O SOGNARE DI POTER FARE INCOMINCIALO.
IL CORAGGIO HA IN SE' GENIO, POTERE E MAGIA. "J. W. GOETHE"



GLI AMICI DI BLOG

giovedì 2 dicembre 2010

PASTA DI MAIS

Oggi vi voglio parlare della pasta di mais è da  poco che l' ho scoperta, che dire è meravigliosa!!!!
La prima volta che ho sentito parlare della pasta di mais è stato tanti anni fa in una trasmissione televisiva "I fatti vostri", dove una signora l'inventrice di questa pasta mostrava i propri lavori, ne rimasi subito affascinata!Durante l'intervista diede la ricetta e l'ho scritta pensando un giorno di provare,  è rimasta conservata per tanti anni. Finalmente lo scorso inverno mi sono decisa a provare, così ho comprato tutti gli ingredienti è un po' diversa da quella che aveva dato l'inventrice, ma il risultato è ottimo. Una domenica il tempo era brutto e fuori faceva  freddo così con il mio fidanzato ci sia rimboccati le maniche e ci siamo messi a preparare questa pasta. Gli ingredienti c'erano tutti, mancava solo una pentola antiaderente, bhe! quella l'ho presa alla mia mamma e poi gliene ho dovuta comprare una nuova. In un primo momento quando l'ho tirata dal fuoco ho pensato vabe!!... pazienza esperimento non riuscito... , però dopo lavorandola un po' con le mani si è formato un panetto liscio e candido come la neve. Alla fine eravamo soddisfatti  del risultato solo che in cucina non si poteva stare per l'odore della colla che si era sprigionato durante la cottura.
La ricetta è questa se qualcuno vuole provare:
- 1 bicchiere di plastica di maizena;
- 1 bicchiere di plastica di colla vinilica;
- 1 un cucchiaio di olio di vasellina o paraffina
- 1 un cucchiaio di succo di limone.
Attrezzi : una pentola antiaderente, un cucchiaio di legno.
Procedimento: si mettono tutti gli ingredienti in una pentola si mescolano con il cucchiaio di legno e si fanno cuocere a fuoco basso per qualche minuto, continuando a mescolare. Quando la pasta si stacca da sola dalle pareti togliere dal fuoco e lasciare raffreddare (il procedimento è simile alla pasta choux). Lavorare la pasta con le mani fino a che la pasta non ha un aspetto elastico. La pasta va avvolta nella pellicola trasparente, se conservata in frigo  dura anche per diversi giorni.
Per colorare  basta prendere un pezzetto di pasta e mettere un poco di colori a tempera o acrilici e impastare fino a che il colore non è omogeneo.
Ecco le prime cose che ho realizzato.




3 commenti:

  1. E' una bella tecnica che permette di realizzare tanti piccoli oggettini, basta dare spazio alla creatività.Questa tecnica l'ho appresa da te, ti ricordi la piccola piantina grassa che ho realizzato quest'estate l'ho terminata poi quando sono rientrata dalle vacanze. Un giorno la posto sul blog.
    Ciao, un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Lo dico sempre, hai me manine d'oro!!!! Deliziosi e quanta pazienza......grazie per avere postato il procedimento, forse....un giorno ci proverò.

    RispondiElimina
  3. Ciao, Kris, piacere di conoscerti! Complimenti, crei delle cose veramente deliziose!
    Continua così e.. chissà.. seguendoti, potrei imparare qualcosina anch'io! :-)

    RispondiElimina

Grazie di essere passati dal mio blog e di aver lasciato un commento, fanno sempre piacere e danno la forza per andare a avanti.